Cosa sono le criptovalute?

Bitcoin è la principale criptovaluta al mondo, ma ne esistono più di 1000. Ecco perché non si può semplicemente trascurarle.

 

Nozioni di base sulle criptovalute

Da quando il prezzo di Bitcoin ha penetrato con estrema facilità il valore di 7000$, il mondo del trading non poteva fare a meno di notare questa valuta. Sebbene Bitcoin sia la prima criptovaluta, non è certo l’unica. Con più di 1000 tipi di criptovalute disponibili, cosa sono esattamente le criptovalute e i trader come possono beneficiare da queste valute?

Una criptovaluta è una forma di denaro digitale che esiste solamente online. La differenza con il denaro digitale che si utilizza quotidianamente (carte e trasferimenti online denominati nella valuta del tuo paese) è che questo tipo di valuta non è emesso da alcuna banca o governo.

Bitcoin e un gran numero di altre criptovalute, come Litecoin ed Ethereum, vengono create attraverso un processo nominato “estrazione”, mentre altre criptovalute, come Ripple e Neo, vengono fornite direttamente sul mercato. Queste criptovalute sono conosciute anche con il termine “pre-minate”.  

Cos’è Bitcoin?

Prima di immergerci nel mondo delle criptovalute, diamo uno sguardo da vicino a Bitcoin. Comprendere le basi di Bitcoin è di cruciale importanza per i trader interessati ad aggiungere le criptovalute al proprio trading. Creata nel 2009 da una persona o gruppo di persone anonime, conosciute sotto il nome di Satoshi Nakamoto, Bitcoin venne creata per facilitare i pagamenti rapidi, senza la necessità di avere un’autorità centrale.


Questa idea rivoluzionaria si basa su una tecnologia altrettanto rivoluzionaria, che prende il nome di blockchain. Il blockchain va pensato come un documento accessibile al pubblico, dove vengono registrate tutte le transazioni di Bitcoin. Il motivo per cui Bitcoin può operare senza la presenza di una banca è perché la tecnologia del blockchain rende le transazioni della criptovaluta accessibili e verificabili da chiunque.
 

La rete di Bitcoin


Sei pronto per fare trading con le criptovalute in tempo reale?



Apri un conto

Caratteristiche principali di Bitcoin

 

1. Disponibilità limitata
Bitcoin è stata programmata da Satoshi per raggiungere il tetto massimo di 21 milioni. Questa è un’informazione importante quando si valuta il prezzo di un asset. Ciò significa che nessuna banca può iniettare ulteriore valuta all’interno del mercato (una forma spesso utilizzata dalle banche centrali è l’uso di alleggerimenti quantitativi). Per questo motivo Bitcoin viene spesso vista come un asset a prova di inflazione e viene spesso paragonata all’oro.
 

2. Estraibile
I bitcoin vengono estratti dai minatori. Questo significa che i minatori entrano nella rete e si offrono volontari per verificare le transazioni di Bitcoin, in modo tale che il sistema possa funzionare senza la necessità di coinvolgere alcuna autorità. In cambio i minatori ricevono Bitcoin per il tempo messo a disposizione e l’elettricità consumata.
 

3. Transazioni rapide
Le transazioni di Bitcoin vengono verificate in media ogni 10 minuti. Questo significa che è possibile usare Bitcoin per inviare denaro ovunque nel mondo nel giro di 10 minuti, anche durante il weekend. Per quanto impressionante possa sembrare, Bitcoin non è più il metodo di pagamento più veloce disponibile, dato l’avvento di nuove criptovalute focalizzate sulla velocità di transazione.

 

Perché le criptovalute sono così volatili?

Se paragonate alle valute emesse dalle banche, conosciute come valute a corso forzoso, la volatilità dei mercati delle criptovalute è insolita. Per rendere meglio l’idea, la volatilità tipica a livello settimanale per le coppie valutarie è inferiore all’1%. La volatilità settimanale di Bitcoin ha invece raggiunto un valore annualizzato fino al 60% nel 2017, con altre criptovalute che hanno registrato oscillazioni maggiori.

Quali sono dunque i fattori che si celano dietro a questa volatilità? La storia dei mercati ci insegna che quando un mercato è nuovo possono verificarsi oscillazioni improvvise nel prezzo, con i trader e gli investitori che assimilano le nuove informazioni. Periodi di rialzo dei prezzi si susseguono a periodi di calo dei prezzi, fino a che il mercato non si stabilizza.

Sebbene alcuni possano sostenere che i prezzi delle criptovalute si muovono come già visto con le bolle finanziarie, non c’è dubbio che i livelli di volatilità correnti offrono numerose opportunità per i day trader. Questo avviene specialmente durante i weekend; e, in effetti, è proprio durante i fine settimana che storicamente Bitcoin ha toccato i massimi record.

 

Storico dei movimenti di prezzo di Bitcoin

Alla luce di tale volatilità, guardiamo nel dettaglio alcune oscillazioni drastiche registrate da Bitcoin dal 2013.
 

Grafico dei prezzi di Bitcoin 2013 - 2017




 

  • Massimi della primavera del 2013:  il primo grande salto per Bitcoin è stato da 30$ a 230$, tra marzo e aprile del 2013. Si pensa che una delle probabili motivazioni sia il nuovo piano di salvataggio di Cipro e la confisca dei grandi depositi da parte della banca. I fondi posseduti su Bitcoin sono immuni da tali eventi.

  • Rialzo di novembre 2013: Bitcoin torna sulle prima pagine dei giornali dopo aver raggiunto quota 1000$, in seguito ad una crescita di domanda di Bitcoin dalla Cina e dopo che il senato americano mostra interesse verso questa criptovaluta ancora ampiamente sconosciuta.

  • Minimi di gennaio 2015: Bitcoin crolla in seguito alle restrizioni imposte dalla Cina e all’arresto di William Ulbricht, l’ideatore di Silk Road, una piattaforma online per la vendita di droghe illegali online.

  • Massimi del 2017: Bitcoin supera con estrema semplicità il livello di 10.000$. Sia i trader che gli investitori non possono più ignorare le criptovalute.

 

 

I CFD sono strumenti complessi e comportano un elevato rischio di perdita del denaro in tempi brevi a causa della leva. Il 69.1% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro facendo trading con i CFD con questo provider.
Valuta se comprendi come funzionano i CFD e se puoi sostenere l’elevato rischio di perdere denaro.

Il 69.1% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro facendo trading con i CFD con questo provider. Valuta se puoi sostenere l’elevato rischio di perdere denaro.

Back to top